LE RONDINELLE VOLANO IN TUTTA ITALIA. SI CHIUDE LA TERZA EDIZIONE DEL QUARTO ANNO LICEALE D’ECCELLENZA A RONDINE CON TANTE NOVITA’ - Quarto Anno Rondine
352099
post-template-default,single,single-post,postid-352099,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

LE RONDINELLE VOLANO IN TUTTA ITALIA. SI CHIUDE LA TERZA EDIZIONE DEL QUARTO ANNO LICEALE D’ECCELLENZA A RONDINE CON TANTE NOVITA’

 

Youtopic Fest entra nel vivo. Dopo gli appuntamenti del pomeriggio, domani alla Cittadella della Pace di Arezzo una nuova giornata all’insegna della condivisione e del wellbeing

 

(Arezzo, 09 giugno 2018). È stata la giornata dei ragazzi e delle ragazze del Quarto Anno Liceale d’Eccellenza a Rondine. Un fiume di emozioni ha coinvolto gli studenti e le loro famiglie.

 

Sono loro i veri protagonisti di una esperienza che ha cambiato per sempre la loro vita. Tutto questo si legge nei loro occhi, nei loro sorrisi e nelle loro lacrime. Mesi passati a condividere momenti di formazione unica, amicizie vere che dureranno nel tempo e la voglia di trasmettere tutto questo bagaglio di emozioni al loro ritorno a casa.

 

“Siamo veramente felici perché questa è una comunità che si allarga sempre di più” ha commentato il Presidente di Rondine Franco Vaccari. “Oggi è una festa che guarda al futuro. Qui matura la consapevolezza che c’è da cambiare il mondo. Il Quarto anno sta diventando più bello e più ricco di quanto avessimo sognato, mette insieme tre livelli: ricaduta per il territorio aretino, per quello nazionale, attraverso un collage tra tutte le regioni laddove si creano piccole comunità di ex studenti; inoltre, l’apertura sull’internazionale: dagli Usa ci hanno chiesto di venire a studiare il programma del Quarto Anno per metterlo in pratica nelle periferie di Chicago” ha concluso Vaccari.

Una scuola interattiva, all’interno di una realtà internazionale, capace di mettere in comunicazione diversi paesi e culture, grazie all’interazione con la World House di Rondine, ovvero giovani provenienti da luoghi di conflitto di tutto il mondo che hanno scelto di impegnarsi per la costruzione della pace nei loro paesi.

Un’opportunità educativa, formativa e di studio, riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca come percorso di sperimentazione per l’innovazione didattica e rivolta a giovani talentuosi e meritevoli dei Licei Classico, Scientifico e delle Scienze Umane di tutta Italia.

 

La ricchezza del Quarto Anno Rondine, non si disperde, ma si rigenera attraverso i progetti che i ragazzi porteranno nel loro territorio. Sono tante e diverse le tematiche sulle quali gli studenti si impegneranno a partire da quelle sulle diversità attraverso il progetto Boomerang. “Abbiamo pensato a un gemellaggio intraculturale tra Cuneo e Isernia” hanno commentato gli studenti promotori del progetto. Un percorso tra nord e sud del paese per eliminare ogni stereotipo. Il progetto “Coo.leghiamoci” mira invece ad un modello democratico di scuola ad un incontro tra studenti ed insegnanti. “Ogni giorno 6 ragazzi su 10 sono vittime di un bullismo che ormai non punta più a un dominio fisico ma psicologico” hanno commentato i ragazzi che attraverso il progetto “Ragazzate” mirano a far fronte a questo problema.

Con “Rompi la quarta parete”, gli studenti si pongono l’obiettivo di integrare le comunità straniere presenti a Prato attraverso un percorso teatrale. “The Journey” sarà invece una Piattaforma web nel quale i ragazzi immigrati possono raccontare la loro storia, elencare le loro competenze e rivelare i propri sogni, con l’obiettivo di farsi notare dalle aziende locali e creare posti di lavoro e integrazione.

 

Ad assistere alla cerimonia le istituzioni e i partner sostenitori che hanno permesso la formazione d’eccellenza dei ragazzi.  “Vorrei porre attenzione sulla presenza dell’Ufficio scolastico che segue attentamente questo percorso. Il conflitto ci appartiene e qui vengono dati degli elementi per trasformarlo e cambiare il mondo” ha commentato Tiziana Nocentini dell’Ufficio Scolastico Regionale Toscana.

Fondamentale infatti il supporto di tutta la rete scolastica della Provincia. Il Liceo V. Colonna di Arezzo è titolare della sperimentazione presso il M.I.U.R. e tramite un accordo di rete stipulato tra l’associazione Rondine e le scuole della provincia di Arezzo (Liceo F. Petrarca, Liceo F. Redi, ITIS Galilei, Convitto nazionale Vittorio Emanuele II), permette di garantire i piani ministeriali a tutti gli indirizzi liceali presenti nel “Quarto Anno Liceale d’Eccellenza” a Rondine

 

“Porto la testimonianza di quanto Rondine abbia fortissimamente voluto questo progetto. Rondine va portata fuori da Rondine per condividere questa straordinaria realtà. Ora i ragazzi devono andare a raccontare questo modello culturale. Voi potete seminare un campo che anche grazie ai vostri genitori è stato predisposto” ha commentato la vicepresidente del Consiglio Regionale, Lucia De Robertis.

 

Inoltre l’arcivescovo della Diocesi Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Riccardo Fontana e il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli hanno mandato il loro saluto ai ragazzi.

 

Presente anche Giovanni Galli ex calciatore e presidente della Fondazione Onlus Niccolò Galli: “È stato emozionante vedere questi ragazzi raccontare il loro percorso. È sempre bello vivere con loro il primo giorno e una giornata in cui mi chiamano a raccontare la mia vita e le mie emozioni” ha spiegato.

 

“È la terza volta che mi trovo qui a fare il pieno di emozioni – ha commentato Stefano Betti vicepresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato – sosteniamo dall’inizio due borse di studio. Nella nostra città c’è un particolare bisogno di sconfiggere conflitti e trasformarli. Il migliore investimento è quello sui giovani”

 

Grande manifestazione di stima anche da parte di Paola Bellandi, consigliera della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia: “La Fondazione ci tiene a seguire ed accompagnare il percorso di Rondine. Come si fa a volere bene al territorio senza guardare ai giovani attraverso questo percorso?” ha spiegato.

 

E ancora l’intervento di Gianfranco Donato, vicepresidente Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo: “Siamo un movimento che fa banca a partire dall’istituto della cooperazione dove ci sono tutti i principi che avete citato oggi. Oggi vogliamo riscoprire i principi dell’economia civile” ha commentato.

 

Tanti gli altri i partner che hanno sostenuto la partecipazione degli studenti al percorso: Fondazione di Sardegna, Fondazione Friuli, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Banca Popolare di Cortona, Fondazione Cecilia Gilardi e Aboca. Inoltre il progetto è realizzato in collaborazione con Istituto Jacques Maritain, Plef, GOEL- Gruppo cooperativo e Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo.

L’associazione Rondine realizza le proprie attività in collaborazione con il Servizio Nazionale della CEI per il Progetto Culturale.

 

Ma YouTopic Fest non finisce qui! Dopo gli appuntamenti del pomeriggio, domani una nuova giornata all’insegna della condivisione e del wellbeing con la YouTopic Family Run, una corsa non competitiva aperta a tutti che attraversa la Cittadella. Alle 10:00 l’incontro Parole di Pace con il teologo ortodosso Bishara Ebeid per concludere con il Cammino della Setteponti dalle ore 16.00.

 

AUTHOR: webdesigner@
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.