Giorgio Marcucci - Quarto Anno Rondine
350979
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-350979,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Giorgio Marcucci

Project Description

LA MIA STORIA

Ciao a tutti io sono Giorgio e vengo da Pescara, una bellissima città sul mare ma a pochi minuti di macchina anche dagli appennini. Adoro la mia città perché è qui che sono nato e cresciuto e perché nonostante sia poco pulita e curata é a mio parere una città molto viva e ricca di giovani. Questa estate sono stato a Cracovia, in occasione della giornata mondiale della gioventù e penso dica molto di me e di quello in cui credo. Ho scelto di frequentare questo anno a Rondine per conoscere persone nuove (anche di altre culture), allontanarmi dalla quotidianità e soprattutto perché questo progetto presenta valori a cui sono molto vicino e che vorrei fare miei. Spero di passare un anno fantastico e sono sicuro che ci divertiremo un sacco.

 

IL MIO PROGETTO DI RICADUTA SOCIALE

“ROTTE INASPETTATE”: LA SCHEDA PROGETTUALE    

 

BACKGROUND

Quello che più motiva la scelta della mia idea progettuale è un fattore piuttosto intimo: la voglia di scoprire storia e origini della mia famiglia, in particolare i racconti di mio nonno materno. Quello che mi spinge di più è la voglia di ascoltare le testimonianze della sua vita e di quella degli altri membri della mia famiglia. Voglio scoprire il significato più profondo di tutte quelle foto che mio nonno mi mostra sempre e voglio farlo con l’aiuto di mia mamma, che ha il mio stesso desiderio. I miei nonni mi hanno sempre dato tanto: consigli, supporto, affetto, tempo. Io non ho mai dedicato tutto me stesso a loro e penso sia il momento di farlo: questo progetto può essere una grande opportunità per farlo.

VISION

Integrazione sociale e identità culturale. Settant’anni fa in Libia, americani, italiani, inglesi e arabi convivevano nella stessa città in un contesto che non ostacolava l’integrazione di queste comunità. Oggi la situazione si è ribaltata: perché due popoli non riescono a vivere nello stesso luogo, senza che questo comporti la nascita di un conflitto? Il mio progetto vuole dare un’alternativa alle società di oggi, affermando che la pace tra i popoli può esistere.

MISSION

Sensibilizzare giovani e non all’apertura verso una maggiore e più ampia integrazione sociale. Spingere alla riflessione sulla propria identità culturale e sul fenomeno dei flussi migratori, presenti oggi nel nostro Paese, ma anche in passato. Affermare che una comunità in cui convivono vari popoli può esistere. Accompagnare questo processo di sensibilizzazione con una ricerca sulla storia della mia famiglia.

 

OBIETTIVO SPECIFICO

Sensibilizzare ai temi sopra elencati e scoprire la storia della mia famiglia attraverso la raccolta di testimonianze di mio nonno, seguita dalla stesura di un libro che racconti una storia vera.

TARGET

Il progetto vuole sensibilizzare soprattutto gli italiani, dagli adolescenti ai più anziani, con uno stile che però è più vicino alle nuove generazioni.

PORTATORI DI INTERESSE (PARTNER)

Necessario sarà il supporto dei membri della mia famiglia, di un esperto (forse un giornalista) che guidi la stesura del libro, di editori pronti ad investire nel mio progetto.

FASI DEL PROGETTO

-Iniziare la raccolta di testimonianze

-Contemporaneamente al primo punto, effettuare una ricerca approfondita sui temi da trattare, anche attraverso dati

-Cercare qualcuno che mi guidi nella stesura del libro

-Riordinare le testimonianze raccolte e iniziare la stesura del libro, dopo aver scelto lo stile letterario

-Cercare partner pronti ad investire nel progetto (editori)

-Promozione e pubblicazione del libro (le fasi successive sono da chiarire)

Project Details
Category

studenti on air 2016/2017

Previous
Next