Silvia De Luca - Quarto Anno Rondine
342428
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-342428,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Silvia De Luca

Project Description

Silvia de Luca

1. Descriviti in un tweet.

1)“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”. Questo aforisma di Einstain mi ha fatto cogliere a pieno la connotazione negativa dell’abitudine: è facile per la gente, me compresa, lamentarsi continuamente per ciò che non va nel mondo e continuare a svolgere le loro attività quotidiane meccanicamente, senza consapevolezza delle proprie azioni; molto più difficile è impegnarsi attivamente per cambiare le cose, per renderle migliori, perché a volte basta poco per mutare il male in bene. L’immagine che noi abbiamo di noi stessi e le nostre abitudini tendono ad andare insieme, cambi una e vedrai automaticamente cambiare l’altra, ma noi abbiamo spesso paura del cambiamento e tendiamo a rimandare. Quello che mi propongo, allora, è rompere le abitudini e gli schemi giorno dopo giorno, perché una cattiva abitudine non si elimina rapidamente, nessun uomo può buttarla dalla finestra, se mai la si può spingere giù per le scale un gradino alla volta.

2. Qual è il tuo motto?

Il mio motto è “memento ardere semper” (ricorda di osare sempre)
3. Parlaci del tuo paese/della tua città e descrivi la tua regione.
Vivo a Melfi, cittadina in provincia di Potenza. La mia è una città dalla lunga tradizione storica, che ha subito le dominazioni di Bizantini,Normanni, Svevi, Francesi e Spagnoli. Nel Medioevo ha vissuto il suo periodo di massimo splendore culturale soprattutto grazie alla presenza di Federico II di Svevia, che, proprio nella mia città, promulgò le celebri Costituzioni melfitane in un imponente castello, che ancora oggi domina il paesaggio circostante dall’apice di una collina. Numerose sono, poi, le antiche tradizioni e festività che da decenni prendono luogo sul mio territorio, come la sagra della varola (castagna), che ogni anno provaca l’afflusso di centinaia di turisti. Fondamentale per me è anche parlare della mia regione. La Basilicata, purtroppo sconosciuta a troppe persone, si trova nel sud Italia ed è costituita prevalentemente da piccoli comuni. Nonostante gran parte del Paese non lo sappia , la Basilicata è ricchissima di idrocarburi ed è, quindi, una delle principali riserve di petrolio della nostra penisola. Tuttavia negli ultimi anni stiamo fronteggiando sempre di più il problema dell’emigrazione dei giovani all’estero o in altre zone d’Italia a causa della scarsità di lavoro sul territorio. Recentemente, però, la mia terra è stata valorizzata grazie all’elezione di Matera, città dei Sassi e patrimonio mondiale dell’UNESCO, come capitale della Cultura europea 2019 e spero che questo sia un buon pretesto per accrescere il turismo nella mia regione.

4. Perché hai scelto Rondine?

Ho scelto Rondine perché amo viaggiare, conoscere arte, tradizioni e usanze di altri Paesi. Ho scelto Rondine perché sono estremamente incuriosita dagli ideali di solidarietà, integrazione, dialogo, cittadinanza attiva che si prefigge, e, purtroppo, sono consapevole che la mia generazione è spesso disinformata o, peggio, disinteressata ad approfondire questi temi, che, invece, sono di fondamentale importanza per mettere le basi a vantaggio di una solida integrità morale. La mia è un’età ricca di dubbi e incertezze e sono sicura che durante quest’anno a Rondine inizierò a trovare le risposte che cerco.

Project Details
Category

All, studenti on air 2016/2017

Previous
Next