Marzia Mistretta - Quarto Anno Rondine
350972
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-350972,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Marzia Mistretta

Project Description

LA MIA STORIA

Ciao a tutti, sono Marzia, ho 17 anni, vengo da Trapani, in Sicilia. Sono una ragazza allegra, ottimista, disponibile ad ascoltare gli altri, con tanta gioia di vivere e di esplorare le infinite sfaccettature del mondo che ci rendono tutti diversi ma sostanzialmente uguali. Ahimè sono allo stesso tempo una ragazza timida e a cui non farebbe male un po’ di sicurezza in più, ma sono certa che in questo mi aiuterete molto Sono scout da dieci anni con sede nella parrocchia del mio quartiere.
Il mio motto o comunque una frase che mi piace molto è: “essere buoni è qualcosa, fare bene è molto di più”.
Come vi ho già detto vengo da Trapani, in Sicilia. Sono molto legata alla mia città nonostante le tante cose che non vanno come la raccolta differenziata, i trasporti, i servizi pubblici e la sua vanità a causa della quale non si riesce a riconoscere le falle e a ripararle. Nonostante questo è una città molto amata sia dai suoi cittadini che dai turisti, grazie al mare, alla sua storia e ai miti che la caratterizzano e che affascinano. Non sono una di quelle ragazze che vuole fuggire dal suo paese, ma quello che spero di riuscire a fare è studiare, viaggiare, conoscere e poter portare tutto quello che ho imparato nella mia città, anche se purtroppo i livelli di occupazione giovanile non incoraggiano affatto!
Ho scelto Rondine perché mi fa respirare aria di libertà, felicità, sicurezza e voglia di fare, tutto ciò di cui adesso ho bisogno.

 

IL MIO PROGETTO DI RICADUTA SOCIALE

HIV TOLLERANZA 0 DI MARZIA MISTRETTA LA SCHEDA PROGETTUALE

 

BACKGROUND                                                                                                          

Discriminazione: distinzione operata in seguito a un giudizio o ad una classificazione. A questa definizione potrebbe benissimo appartenere un’accezione positiva, ma noi facciamo mai attenzione a dar giudizio con quel nostro dito puntatore non ledendo gli altri? Sin da piccola sono sempre stata interessata al tema della discriminazione, tema che mi ha fatto riflettere. Con il passare del tempo ho avuto la fortuna di entrare nel vivo di questo fenomeno attraverso il servizio, provando a non essere più una passiva spettatrice. L’anno scorso ho fatto una bellissima esperienza in un centro per malati di HIV e AIDS conclamato, accorgendomi che sia io che tanti altri non ci siamo mai interessati a questo argomento, rimanendo completamente disinformati e a conoscenza dei classici “cliché”. Grazie a quest’esperienza sono anche venuta a conoscenza della situazione in cui riversa la mia regione, la Sicilia, negli ultimi anni.  Ed è esattamente su questo che voglio lavorare con il mio progetto di ricaduta sociale.

VISION                                                                                                                          

La mia visione del mondo. Quella di una diciottenne che vuole fare qualcosa per migliorare questo nostro mondo I tempi cambiano, la società anche, ma le malattie infettive che sembravano ai più debellate tornano con un segno positivo grave. Le persone possono essere positive all’ Hiv, ma non malate, e non per forza l’infezione si trasforma in malattia, attualmente ci sono terapie che ne rallentano o impediscono la comparsa. Cosa è mancato allora? Le campagne di comunicazione e di prevenzione sono scomparse, come se il ventennio trascorso senza più paura ha fatto dimenticare l’Hiv. L’infezione silenziosa ha bisogno di essere riconsiderata ed è da qui che vorrei che partisse il mio progetto di ricaduta sociale.

MISSION

Superamento dell’intolleranza, del pregiudizio e del silenzio.

OBIETTIVO SPECIFICO

Dar vita ad un’organizzazione no profit, HIV tolleranza 0, che svolgerà le sue attività nella provincia di Trapani, con lo scopo di sensibilizzare i presenti su cos’è realmente il virus e quali sono i veri rischi del contagio.

PUNTI DI FORZA DEL PROGETTO  

-manca qualcosa di simile sul mio territorio.
-offre nuove opportunità di servizio
-costituisce un momento di ritrovo
-sensibilizzazione su un argomento poco dibattuto.

DEBOLEZZE DEL PROGETTO

-occorrono finanziamenti
-trovare persone disposte a collaborare

OPPORTUNITA’                                                                                                                            

-trovare collaborazioni proficue con varie associazioni
-riuscire davvero a svegliare i giovani e farli entrare nel vivo della vita del loro territorio

MINACCE

– difficoltà nel trovare partner e finanziatori
-forze antagoniste al bene

 

POSIZIONAMENTO STRATEGICO

  1. TARGET: affetti da AIDS, ragazzi e genitori; PORTATORI DI INTERESSE: la Croce Rossa, operatori nelle case di accoglienza, eventuali fondazioni che mi supporteranno, eventuali media.
  2. BENEFICIO ESSENZIALE: Sollevare la cappa di silenzio che da troppi anni sovrasta il problema del virus dell’HIV nel mio territorio. Attività finalizzate alla conoscenza fra affetti e ragazzi. Costruzione di oggettive relazioni.
  3. CATEGORIA DI MERCATO: attività di sensibilizzazione sociale. Riconoscere le distintività al fine dell’inclusione sociale, inclusione nella distintività.
  4. MODI E MOMENTI DI UTILIZZO: intervento a supporto delle unità sanitarie in termini di sensibilizzazione o in termini preventivi e direttamente sul paziente piuttosto che sul suo gruppo di appartenenza.
  5. PREZZO/VALORE: o l’ente sanitario o le associazioni che si occupano di aiutare i giovani nello sviluppo di progetti innovativi si facessero carico di riconoscergli un accredito per il loro percorso formativo di qualsiasi tipo e grado.

STRATEGIA

  1. TARGET: promozione attraverso le scuole, i media; PORTATORI DI INTERESSE: You Topic fest, incontri con finanziatori, promozioni attraverso le scuole, i media.
  2. BENEFICIO ESSENZIALE: attraverso le attività di promozione del progetto, la sensibilizzazione durante le attività di team-building fra i ragazzi e i portatori di HIV, la redazione di una raccolta di emozioni ed esperienze vissuta durante l’anno e il soggiorno a Roma.
  3. CATEGORIA DI MERCATO: attraverso i percorsi formativi precedenti all’esperienza a Roma a Villa Glory, con operatori della Croce Rossa e delle case di accoglienza per malati di AIDS e persone affette.
  4. MODI E MOMENTI DI UTILIZZO: attraverso il mio progetto.
  5. PREZZO/VALORE: attraverso lo svolgimento di un buon lavoro, con la stesura di un abstract ben strutturato, mostrando la voglia e l’energia di mettermi in gioco per lo sviluppo di questo progetto.

PIANO DI AZIONE

Vorrei coinvolgere le classi terze e quarte della mia scuola, magari inizialmente con un gruppo di circa venti ragazzi. Inizierei subito con delle attività di team-building, così da creare un gruppo coeso. Successivamente li dividerei in quattro gruppi da cinque persone ognuno e darei la possibilità ad ogni gruppo di scegliere di far servizio in un luogo a loro scelta di Trapani. Allo stesso tempo organizzerei degli incontri fra la Croce Rossa e i ragazzi che partecipano al progetto di sensibilizzazione sull’argomento, con vari ospiti, persone che operano nei centri, responsabili, persone affette. Nei vari incontri vorrei coinvolgere anche i genitori dei ragazzi interessati in modo da fornirgli tutte le nozioni necessarie per il servizio che i figli svolgeranno alla conclusione del progetto. D’estate infatti, per chiudere in bellezza il percorso, vorrei far fare ai gruppi un’ultima attività a Roma, a villa Glori. I sottogruppi creati nel corso dell’anno possono recarsi in periodi differenti, ad esempio nel mese di agosto, nella capitale, per un periodo complessivo per sottogruppo di circa cinque giorni dove fanno esperienza diretta con i sieropositivi. Per incitare i ragazzi a prendere parte al progetto potrei sfruttare i crediti o far scalare le attività dal monte ore dell’alternanza scuola-lavoro. Alla fine stilerei una brochure informativa insieme ai ragazzi coinvolti dove scriverei tutte le impressioni e le esperienze vissute in modo molto libero da spargere a scuola e magari in tutta la città.

Project Details
Category

studenti on air 2016/2017

Previous
Next