Nemy Barbieri - Quarto Anno Rondine
350985
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-350985,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Nemy Barbieri

Project Description

LA MIA STORIA

Ciao a tutti, io sono Nemy Barbieri e ho 17 anni anche se non si direbbe, infatti sono una piccoletta timida e molto riservata con chi non conosco, ma col tempo riesco a lasciarmi andare. Amo l’arte in ogni sua sfumatura, dalla poesia alla pittura, dalla letteratura alla musica e il teatro, Infatti adoro dipingere e disegnare (o almeno ci provo). Perchè nell’arte riesco a trovare il mio mondo, dove non esiste nulla di giusto o sbagliato,ma tutto è perfetto a modo mio. Per quanto non si addica nè al mio aspetto nè tantomeno alla mia persona in generale, sono una divoratrice di libri thriller.
Mi appassionano sopratutto le materie scientifiche, anche se puó sembrare strano ad alcuni sono letteralmente affascinata dalla matematica e dalla fisica, ma nello stesso tempo amo la filosofia. Vengo da un paesino molto piccolo in Calabria, talmente piccolo che viene chiamato “le casette” infatti oltre al mare e a delle casette appunto non c’è molto altro da vedere. Ho sempre avuto un rapporto complicato con la mia terra, perché amo il territorio ma non le persone. Ho scelto Rondine per molti motivi diversi, come quello di prendere una boccata d’aria fresca dalla mentalità chiusa che caratterizza il mio paese, oppure perchè io amo mettermi in gioco e Rondine è apparsa ai miei occhi come l’opportunità di fare un’esperienza del tutto diversa dalle altre e che magari mi aiuterá non solo a correggere molti miei difetti e limiti, ma anche a portare avanti un progetto che ho in mente da tempo e che mi sta particolarmente a cuore.
Quanto al mio motto, ne vorrei scrivere talmente tanti ma se dovessi scegliere direi “saper ascoltare” nel suo significato più profondo e universale, perchè le esperienze belle e brutte che ho fatto durante la mia vita mi hanno insegnato che non c’è pregio migliore di quello di saper ascoltare gli altri e imparare da loro, perchè siamo tutti diversi e ognuno ha qualcosa da trasmettere agli altri e spesso sono proprio le persone da cui ce lo aspettavamo di meno, a lasciare il segno.

 

IL MIO PROGETTO DI RICADUTA SOCIALE

“DI.VER.SO” di Filomena Barbieri da Rosarno, il bar sottratto alla mafia per un progetto di inclusione sociale che unisce in un solo luogo giovani, arte e disabilità. “Essere calabrese significa dover fare i conti prima o poi con la parola ‘ndrangheta. Essere calabrese come lo intendo io significa non piegarsi alla forza violenta che la criminalità vuole imporre e impegnarsi il doppio per contrastarla. Significa lottare per la legalità. Lottare contro il pregiudizio che non possano esserci strade diverse, alternative. La diversità fa paura, anche quando si parla di disabilità. Ma questa è una paura che non ho mai avuto, grazie a mio fratello. Per questo vorrei dare vita ad uno spazio di inclusione sociale, un bar DI.VER.SO, in un bene confiscato alla ‘ndrangheta”.

Project Details
Category

studenti on air 2016/2017

Previous
Next