Benedetta Ceretti - Quarto Anno Rondine
342471
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-342471,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Benedetta Ceretti

Project Description

 

1. Descriviti in un tweet.

“Un giorno senza sorriso è un giorno perso”. Per il mio tweet ho scelto questa frase di Charlie Chaplin perché penso mi rappresenti al massimo. Infatti sono una ragazza allegra e sempre con il sorriso sulle labbra e che difficilmente è triste. Sono un po’ come un uragano che con la sua vivacità e felicità travolge tutto ciò che incontra (spero anche voi).

Inoltre mi piacerebbe contagiare con questa solarità tutto il mondo sopratutto quei luoghi dove un sorriso può cambiare la giornata a molte persone perché sono convinta che in un mondo più felice e più sorridente si viva tutti meglio.

 

2. Qual è il tuo motto?

“Vuoi essere un grande? Comincia con l’essere piccolo.” (S. Agostino)

“Prendi in mano la tua vita e fanne un capolavoro.” (Papa Giovanni Paolo II)

 

3. Parlaci del tuo paese/della tua città e descrivi la tua regione.

Io vivo a Cremona una piccola città nonché capoluogo di provincia lombardo con circa 71mila abitanti che si affaccia sulle rive del fiume Po. Città gemella di Piacenza in quanto fondate contemporaneamente dai Romani. A Cremona è possibile visitare la cattedrale e il battistero entrambi di architettura romanica e il famoso Torrazzo, ovvero la torre campanaria più alta d’Italia. Inoltre la città è ricordata per la tradizione liutaria, riconosciuta dall’UNESCO quale patrimonio immateriale dell’umanità. Qui infatti vi nacque Antonio Stradivari . Per questo è stato da poco aperto a Cremona il Museo del Violino. Per quanto riguarda la gastronomia Cremona è ricorata per i marubini (tipici “tortellini” in brodo), la mostarda, il cotechino e il torrone, dolce inventato per le nozze di Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza.

 

4. Perché hai scelto Rondine?

Ho scelto di aderire al Quarto Anno Rondine in quanto mio fratello, grazie al mio don, aveva già avuto modo di visitare questa realtà qualche anno fa. Conoscendo già il bellissimo “lavoro” che caratterizza Rondine non mi sono potuta tirare indietro quando ho saputo di questa iniziativa. Infatti credo che questo anno mi possa aiutare ad ampliare gli orizzonti delle mie esperienze conoscendo e relazionandomi con ognuno di voi ma anche con persone che vivono in contesti molto diversi dal mio. È un’opportunità unica che saprò sfruttare al meglio.

Project Details
Category

All, studenti on air 2016/2017

Previous
Next