Umberto Caleca - Quarto Anno Rondine
351885
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-351885,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

Umberto Caleca

Project Description

LA MIA STORIA

Mi chiamo Umberto Caleca, ho sedici anni e vengo da Marsala, in provincia di Trapani.

Nella mia breve esperienza di vita ho praticato tantissimi sport come il basket, il calcio, il tennis e lo sci, ma soprattutto la pallavolo. Gioco a pallavolo da circa cinque anni e non ho alcuna intenzione di abbandonarla.

Sono un ragazzo estroverso e faccio amicizia quasi con tutti.

Mi piacciono gli anime, cartoni giapponesi, e se non ho niente da fare mi diverto a creare MEME.

Cerco di ispirarmi il più possibile e Julio Velasco, l’allenatore dell’Italia ai tempi della “generazione fenomeni” dal 1990 al 2000. Oltre ad essere un eccezionale allenatore è uno dei migliori mental coach della storia. Utilizzava, infatti, la metafora della pallavolo per dare lezioni di vita ai giocatori e a coloro che lo seguivano.

Questa è la frase che mi ha segnato di più: “È opinione diffusa che chi ha vinto ha fatto tutto bene e chi ha perso ha fatto tutto male. Nello sport non basta fare le cose bene, bisogna farle meglio degli altri.”

Sono nato a Marsala, ma ho vissuto per 10 anni a Patti (ME), un paesino di 15mila abitanti che mi è rimasto nel cuore, soprattutto per i suoi paesaggi collinosi e le vaste campagne nelle quali mi piaceva immergermi e stare in tranquillità nella natura.

Ho scelto Rondine perché volevo approfondire il tema della legalità e corruzione, che purtroppo è un odei problemi che affligge la mia regione. Approfondendo di più questi argomenti potrei capire certe problematiche della Sicilia e, magari, cambiarne l’andamento futuro.

Project Details
Category

Studenti on air 2017/2018

Previous
Next