#QAR PERCORSO ULISSE: TREKKING alla scoperta della Riserva naturale di Ponte a Buriano e Penna - Quarto Anno Rondine
351396
post-template-default,single,single-post,postid-351396,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

#QAR PERCORSO ULISSE: TREKKING alla scoperta della Riserva naturale di Ponte a Buriano e Penna

Un anno di scuola a Rondine non è solo un anno di formazione nella Cittadella della Pace, ma è un anno di scuola da vivere immersi nella natura. Il Quarto Anno Rondine infatti può godere delle meraviglie della Riserva naturale  regionale di Ponte a Buriano e Penna. La Riserva si sviluppa per circa 7 km di lunghezza lungo il corso dell’Arno, dal ponte romanico di Ponte Buriano fino alla centrale elettrica situata a valle della Diga Enel della Penna e comprende l’invaso artificiale della diga e le zone terrestri limitrofe. Il paesaggio è caratterizzato principalmente dalle dolci colline circostanti all’invaso, con balze e pareti verticali. Dalla cartiera di Ponte a Buriano fino a Rondine, l’Arno scorre incassato fra le rocce, mentre da Rondine alla Penna il fiume si allarga a costituire l’invaso della Penna.

Studiare al Quarto Anno Liceale d’Eccellenza a Rondine significa anche essere consapevoli dell’Ambiente e del contesto paesaggistico naturale in cui si vive. Per questo il Modulo Ambiente ed Ecologia del Percorso Ulisse oggi ha condotto i nostri ragazzi in un trekking alla scoperta della Riserva naturale  regionale di Ponte a Buriano e Penna. Tutti guidati dal Professore Luca Mattioli gli studenti hanno scoperto la ricchezza del paesaggio che caratterizza Rondine e il suo Quarto Anno. Col Professore di biologia Roberto Del Gamba gli studenti si sono concentrati  sulla fauna e la flora della Riserva, con particolare attenzione al paesaggio vegetale costituito da boschi di roverella, colture agrarie (situate soprattutto lungo la sponda sinistra dell’Arno) e da una vasta area palustre nella porzione orientale della Riserva.  Tutti insieme hanno prelevato campioni dell’acqua dell’Arno da analizzare. Non poteva mancare il contributo delle Professoresse di educazione fisica Cristina Giannotti e Monica Coleschi, sempre attente ad uno stile di vita sano e attivo degli studenti.

AUTHOR: webdesigner@
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.