fbpx
Roberto Jiang - Quarto Anno Rondine
342453
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-342453,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive,elementor-default

Roberto Jiang

Project Description

1. Descriviti in un tweet.

“Una continua scoperta”.
Non smettiamo mai di imparare perché quando raggiungiamo la risposta a una domanda ne sorge subito un’altra correlata ad essa e noi mossi dalla curiosità cerchiamo di rispondere ad esse e vogliamo scoprire il più possibile su tutto ciò che ci circonda e questo è l’atteggiamento che spero di mantenere, nonostante non farò mai scoperte grandiose potrò conoscere nuove cose sulla mia natura.

2. Qual è il tuo motto?

“Siamo tutti uguali ma tutti diversi”.
Ho scelto questa frase perché ogni individuo è unico nel suo genere e non può essere sostituito, ma allo stesso tempo nessun individuo è migliore di un altro.

3. Parlaci del tuo paese/della tua città e descrivi la tua regione.
Non so se dovrei descrivere la Cina o l’Italia perchè nonostante abbia passato tutta la mia vita qui in Italia le tradizioni e i valori cinesi li ho mantenuti quindi li descriverò brevemente entrambi. Abito a Prato, in Toscana, non è una città enorme, ma possiede uno dei centri cinesi più grandi d’Italia, secondo forse solo a Milano. Via Pistoiese è praticamente uguale alla Cina, ci sono negozi dove vendono erbe medicinali, supermercati con tutte le specialità cinesi e numerosi ristoranti, noi la chiamiamo 中国街 letteralmente “via cinese”. C’è il castello in centro, fatto costruire da Federico II, c’è la dimora di Francesco Datini grande mercante medievale e nel duomo è custodita la sacra cintola.
文成 (Wencheng) invece è la città da cui provengono i miei genitori. E’ un po’ piccola come città, ma negli ultimi anni si è ampliata moltissimo, soprattutto con il denaro che hanno portato gli abitanti che sono andati all’estero, è circondata da montagne ed è attraversata da un fiume, la maggior parte della popolazione è vecchia o molto giovane perché gli adolescenti e gli adulti sono partiti per altre mete, alla ricerca di guadagno.

4. Perché hai scelto Rondine?
Rondine per me è un modo di imparare, perché ci sono cose che la scuola da sola non ti può insegnare, ad esempio com’è un conflitto visto da un partecipante di esso, perché si tende sempre a rendere le cose “più leggere”. Inoltre il percorso Ulisse mi affascina, infatti quando arriverò a frequentare la classe quinta dovrò decidere quale università scegliere, penso quindi sia un modo per aiutarmi a capire cosa voglio fare.

Project Details
Category

All, studenti on air 2016/2017

Previous
Next