CALABRIA BEST MOMENTS! IL VIAGGIO DELLA LEGALITA' DELLE RONDINELLE #QAR1 - Quarto Anno Rondine
351659
post-template-default,single,single-post,postid-351659,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive

CALABRIA BEST MOMENTS! IL VIAGGIO DELLA LEGALITA’ DELLE RONDINELLE #QAR1

Il viaggio in Calabria ha messo i nostri studenti a contatto con diverse realtà di lotta per la legalità e accoglienza. Dal 30 maggio al 3 giugno le Rondinelle si sono addentrate nel territorio della Locride per incontrare persone e associazioni attive con iniziative e progetti, che vedono coinvolti centinaia di giovani della regione. Un viaggio di alta formazione, un’esperienza unica realizzata per permettere alle Rondinelle di entrare in contatto con tante realtà diverse che aiutano i più deboli. Non solo immigrati, ma tutti coloro che ancora oggi vivono ai margini della società e non hanno voce per farsi sentire. Un viaggio nel cuore della Calabria, terra ricchissima di risorse e conflitti; terra che lotta quotidianamente contro i propri demoni, primo fra tutti la ‘Ndrangheta.

Qui la selezione delle immagini più belle di questo viaggio che ha toccato tanti luoghi tra cui: Lamezia Terme e Locri con la guida e il supporto del Gruppo Goel e del Presidente Vincenzo Linarello per la presentazione di  tutte le loro attività nell’ambito della moda, del biologico e del turismo sostenibile e responsabile in beni confiscati alla mafia. Poi gli scatti dell’inaugurazione dell’Ostello Locride strappato alla mafia e restituito alla società civile dal Gruppo Goel; il laboratorio di Cangiari primo marchio di alta moda etica in Italia; il Bosco di Bovalino per l’incontro con Suor Carolina Iavazzo, collaboratrice di Don Pino Puglisi, che all’ interno della sua struttura si occupa del recupero di ragazzi “difficili”.

L’incontro con la Cooperativa Pathos con cui i ragazzi hanno affrontato i grandi temi dell’accoglienza dei migranti, della multiculturalità e dell’integrazione. L’incontro con la Cooperativa Arca Della Salvezza dove gli studenti hanno affrontato le dinamiche di questa realtà associativa che si occupa della gestione di minori provenienti da situazioni familiari di grande difficoltà.

Poi la visita dell’azienda agrituristica e agricola biologica Lanterna, per ascoltare la testimonianza dei proprietari, vittime negli scorsi anni di numerosi attacchi di stampo mafioso.

Ma la Calabria non è solo una terra di accoglienza e di conflitto, ma terra di grandi tradizioni. Per questo la serata del primo giugno è stata dedicata alla riscoperta dell’antica arte della tessitura a telaio con l’incontro con le tessitrici di Chiaravalle.

Poi storia e cultura con la visita del Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri e di tutto il sito in cui sorgeva l’antica Locri; la visita a Gerace, caratteristico borgo medioevale della Calabria; il trasferimento a Stilo, con la visita guidata della “Città del Sole” che vanta i natali del filosofo Tommaso Campanella. Sosta immancabile alla Cattolica di Stilo, tempietto bizantino risalente al IX secolo, famoso in tutto il mondo per la rara bellezza.

E alla fine anche un bel bagno nello splendido mar di Calabria!

 

AUTHOR: webdesigner@
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.