fbpx
#QAR SCHOOL: 3° Giorno di gita in Friuli. L'intervento della Rondinella Daniele nella sede della Fondazione Crup - Quarto Anno Rondine
350423
post-template-default,single,single-post,postid-350423,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.2, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-353622

#QAR SCHOOL: 3° Giorno di gita in Friuli. L’intervento della Rondinella Daniele nella sede della Fondazione Crup

#Memoria

#Presente e #Passato

#Propaganda

IMG_20160415_111902“Mi chiamo Daniele Tappa, ho 17 anni e faccio parte del Quarto Anno Rondine. Vorrei condividere con voi una semplice riflessione sul progetto che abbiamo svolto in questi giorni.

C’era una scalinata, una lunga scalinata su cui erano incisi tanti nomi, migliaia di nomi. Sopra questi c’era una scritta:”PRESENTE”, ripetuta più volte. Quella parola mi rimase in mente, anche se contro la mia volontà. Presente, una parola che rappresentava la morte dei soldati sul campo di battaglia durante la guerra, una parola volta a far nascere negli italiani un orgoglio che li avrebbe spinti a combattere, una parola usata con insistente brutalità.

Ma non era questo il significato di presente che mi preoccupava. Guardando quelle lettere nella roccia, come fossero nuove e perennemente esistenti in quel luogo, mi venne da pensare al vero presente, a quello in cui viviamo adesso, e rividi di nuovo i morti, ma stavolta di altre guerre. Altre guerre che oggi continuano ad esistere, altri nomi che continuano a venir scolpiti nella roccia, altri presenti privati della vita.

Quando mi vennero in mente queste immagini provai un senso di gratitudine per quegli uomini.

Non perché avessero combattuto per l’italia o per i loro ideali, ma perché erano uomini e ragazzi come me il cui ricordo oggi, nel presente, mi porta ad odiare la guerra.

Perché uccidere un uomo non è da uomini, come non lo è soffrire nelle trincee.

Tutto questo l’ho imparato perché sono nato in una nazione che ripudia la guerra e perché ho vissuto Rondine.

Se fossi nato in un altro tempo, o in un altro luogo, forse ora sarei anche io un nome tra i tanti altri.

Siamo uomini, tutti uguali, tutti diversi. Siamo uomini, sbagliamo, ma non possiamo permetterci di non imparare dai nostri errori perché la guerra, la guerra non cambia mai ma noi sì, se riusciamo a trovare la forza di farlo.

Grazie.”

 

Udine 15 aprile 2016

Viaggio di istruzione in Friuli nei luoghi della Grande Guerra

Il progetto “L’Eccellenza formativa di Rondine nelle Province di Udine e Pordenone” è possibile grazie al sostegno di Fondazione Crup.